CAROTE E PATATE AL VAPORE CUKO IMETEC

D’estate si sa la verdura è quella che va per la maggiore….oggi realizziamo un contorno semplicissimo ma anche buono

Ingredienti per 4 persone: 2 patate medie , 3 carote medie, acqua.

Riempire la boccia con acqua fino al livello indicato dal simbolo vapore, inserire il cestello vapore con le patate e le carote tagliate in piccoli pezzi  e cuocere 15 min.100° con il tappo dosatore inserito

. A fine lavorazione, verificare la cottura delle patate e delle carote ed eventualmente proseguire per qualche minuto.

Semplice, veloce, buono.

BUON APPETITO

GLASSA ALLO ZUCCHERO ( CON ACQUA CALDA)

Una delle preparazioni sicuramente  più usate per decorare i biscotti è la glassa allo zucchero, facile e veloce da preparare ed anche economica.

Immagine correlata

Tutto ciò che ci occorre è dello zucchero al velo ed un pochino di acqua calda e, se desideriamo averla colorata, qualche colore alimentare di nostro gradimento-

Si procede in questo modo : versiamo dello zucchero al velo in una ciotola ed aggiungiamo un cucchiaio di acqua bollente per volta iniziando a sciogliere lo zucchero…..aggiungeremo altra acqua sempre molto poco per volta solo quando vedremo che quella che abbiamo messo non è sufficiente per ottenere  una crema un po fluida  ( ma non troppo).Nel caso abbiamo messo troppa acqua e la nostra glassa risulti troppo liquida , possiamo correggere aggiungendo altro zucchero ed amalgamando il tutto per bene fino a raggiungere la giusta consistenza.

Volendo possiamo aggiungere del colore per ottenere altre gradazioni: andremo ad aggiungere il colore dopo aver messo l’acqua e metteremo un pochino meno acqua se usiamo un colore liquido oppure aggiungeremo il colore in polvere solo dopo aver ottenuto la glassa di base.

Non vi resta ora che versare un pochino di glassa sui biscotti o anche sulle torte ed aspettare almeno una mezz’ora ( dipende anche dalla fluidità della glassa) che asciughi.

Come potete veder non è nulla di complicato ma l’effetto finale è grazioso…….

BUON LAVORO

PACCHERI ZUCCHINE E MENTA

Che ne dite di questa ricettina semplice semplice ma davvero molto gustosa?

Ingredienti per 2 persone: 20 paccheri, 1 zucchina verde di media dimensione,  6foglie di menta piperita fresca, 3 cucchiai di olio d’oliva, 1 spicchio di aglio , sale e pepe q.b.

In abbondante acqua bollente e salata, fate cuocere i paccheri per circa 15 minuti aggiungendo 1 cucchiaio di olio.

Nel frattempo in una padella mettete l’olio rimanente e lo spicchio di aglio , fate soffriggere ed aggiungete la zucchina tagliata a rondelle o a cubetti come più vi piace.

Fate cuocere per 10 minuti quindi salate, pepate ed aggiungete la menta spezzettata e mescolate bene.

Togliete dal fuoco.

Scolate la pasta appena cotta e fatela saltare in padella con le zucchine aggiungendo, se necessario, 2 cucchiai di acqua di cottura.

Impiattate e… buon appetito!!!

Caccia al tesoro botanica

Caccia al tesoro botanica

    • Località: Piancavallo;
    • Tipologia: Escursione;
    • Data: Martedì 14 Agosto 2018
    • Orario: 16:30
    • Consigliato per: Tutti
Un gioco per scoprire i segreti nascosti delle piante tra indovinelli, enigmi da risolvere e prove da superare.

A cura di Eupolis

Evento non a pagamento
Punto di partenza : Roncjade, via pertini, 4 – Piancavallo
Ora di inizio : 16.30
Percorso facile

Informazioni e prenotazioni : Eupolis 347.982.03.37, info@eupolis.info

Organizzato da:

Eupolis

Le voci del bosco

Le voci del bosco

    • Località: Resia;
    • Luogo: La tana in Val Resia – Borgo Lischiazze
    • Tipologia: Escursione; Incontro, seminario, convegno; Interesse locale;
    • Data: Martedì 14 agosto 2018
    • Consigliato per: Tutti
Passeggiata notturna intorno alla nostra sede di Lischiazze, la Tana in Val Resia,
davanti all’imponente cascata del Fontanone Barman, per scoprire i suoni della notte in montagna e come sono differenti da quelli che abbiamo ascoltato in pianura, attorno alla Casa delle Farfalle.

Organizzato da:

Casa delle Farfalle
Tel. 0432-1636175
www.bordanofarfalle.it

 

ELICHE CON TONNO, CIPOLLA ED OLIVE

Ricetta facile e veloce per gustare un primo piatto ….

Ingredienti per 4 persone: 320 gr di pasta tipo eliche, 160 gr di tonno, una manciata di olive nere, una cipolla media, olio evo q.b.

Mettete a bollire una pentola con acqua salata per la pasta.Nel frattempo fate rosolare la cipolla tagliata a fettine sottili ne”olio evo .Quando la cipolla sarà ben dorata e tenera aggiungetevi le olive ed un goccino d’acqua che ci serve per non bruciare la cipolla e fare in modo che il condimento prenda il sapore anche delle olive.

A questo punto aggiungiamo il tonno, abbassiamo la fiamma e facciamo andare  ancora per un minuto.Scoliamo la pasta e la mettiamo nella padella del condimento facendola ben insaporire e mescolando bene il tutto.

Le vostre eliche con tonno, cipolla ed olive sono pronte.

BUON APPETITO

RAZZE CANINE : IL DALMATA

Chi di noi non ha mai sentito parlare del Dalmata se non fosse altro per quel delizioso cartone animato prodotto dalla Walt Disney La carica dei 101 di cui fu fatta anche una proiezione sotto forma di film.

Immagine correlata

Questa è indubbiamente una razza abbastanza antica , ma ancora oggi è difficile risalire a quali siano i progenitori ed il periodo esatto in cui questa ragazza abbia avuto origine .Esistono in ogni caso alcune raffigurazioni di cani bianchi a macchie nere in molte parti d’Europa dell’Africa e anche in Asia ….alcuni autori sostengono che l’ascendente del dalmata sia stato in origine il bracco del Bengala ,  razza  ormai estinta , che fu incrociato con il bull terrier e poi con il Pointer .Altri affermano che il progenitore del dalmata sia l’alano Arlecchino.

L’unico ascendente riconosciuto e dichiarato dalla federazione internazionale cinofila è il Pointer d’Istria.

Immagine correlata

 

Due sono i dipinti interessanti per comprendere la storia del dalmata :il primo opera di un pittore minore genovese del XVII secolo rappresenta una scena di caccia dove sono raffigurati quattro cani diversi tra i quali spiccano due dalmata uno dei due in braccio a un bimbo;  l’altro dipinto è un affresco del quattordicesimo secolo che si trova nella Cappella degli Spagnoli a Firenze.

Ci sono poi altri riferimenti scritti secondo i quali questi cani sono arrivati con le invasioni dei popoli slavi sulle coste sud-orientali .

Immagine correlata

Dal nome dalmata si può ipotizzare che questo cane possa provenire dalla Dalmazia ed in effetti alcuni documenti confermerebbero la sua origine croata già nel 1955 quando la federazione cinologica internazionale rende ufficiale l’esistenza della razza dalmata.

Nasce come cane da caccia …..il carattere è proprio quello del gruppo dei segugi e dei cani per pista di sangue,  ma ormai il dalmata non è altro che un cane da compagnia che mantiene i suoi tratti originari anche se piazzato in una villetta a schiera nella periferia di una metropoli ben lontano dalle tenute inglesi in cui si racconta corresse senza freno un secolo  ed oltre fa.

Immagine correlata

A rendere famosa la razza del dalmata è come vi dicevo prima l’uscita sul grande schermo , all’inizio del cartone animato e poi a seguire del film,  della Carica dei 101 …..il dalmata conquista così il cuore di molte persone e tutti vanno alla ricerca di un piccolo cucciolo di Dalmata.

Risultati immagini per dalmata

CARATTERE

Il dalmata è un cane piuttosto giocherellone è molto allegro,  ama essere coccolato dal suo padrone che gli deve dare considerazione . Anche se può sembrare un cane tranquillo il dalmata è una razza di notevole resistenza fisica,  molto festoso ed allegro in ogni momento della giornata …ama molto giocare ed è molto affezionato e fedele al proprio padrone .

Qualche volta può risultare dispettoso ma mai cattivo ;  può adattarsi senza problemi sia alla vita in casa che in appartamento poiché è un tipo di razza molto pulita ed attenta .Abbastanza intelligente è abbastanza facile dargli un buon addestramento  ; è sicuramente un eccellente compagno di giochi per bambini e anche adulti proprio per questo carattere espansivo e gioviale.

Standard

Altezza:
 – maschi tra i 55 ed i 61 cm 
 – femmine tra i 50 ed i 58 cm.
Peso: da 22 a 26 kg.
L’armonia generale è di primaria importanza per questa razza.

Tronco: il torace non deve essere troppo largo, ma deve comunque essere alto e avere una buona capacità per il cuore ed i polmoni. Le costole sono ben arcuate. Il garrese è ben marcato. Il dorso è potente e dritto. Le reni sono forti, ben fatte, muscolose e leggermente spioventi.
Testa e muso: deve avere una buona lunghezza totale. Il cranio è piatto, ragionevolmente largo fra le orecchie, ma sfilato, ben disegnato ma con moderazione a livello delle tempie. Presenta uno stop moderatamente marcato. La testa non è in linea retta dal tartufo all’occipite. Non deve presentare rughe. Il muso è lungo e potente, mai a fischietto. Le labbra hanno una linea precisa, sono aderenti alle mascelle senza essere troppo strette.
Tartufo: nella varietà a macchie nere, il tartufo deve sempre essere nero; nei soggetti a macchie fegato, il tartufo è sempre marrone.
Denti: completi nel numero. Chiusura a forbice, con gli incisivi superiori sovrapposti strettamente sulla parte alta di quelli inferiori.
Collo: di buona lunghezza, tornito in modo aggraziato; è leggero e va assottigliandosi verso la testa. Non deve avere giogaia.
Orecchie: l’attaccatura è abbastanza alta, la loro grandezza è media. Sono abbastanza larghe alla base e vanno stringendosi verso l’estremità arrotondata. Sono fini al tatto e portate ben aderenti alla testa. Devono avere macchie ben distribuite, preferibilmente di forma arrotondata.
Occhi: distanziati ma senza eccesso. Di grandezza media. Sono rotondi, vivaci e lucidi. Hanno espressione intelligente. Sono scuri nei soggetti a macchie nere, ambrate in quelli a macchie fegato. Tutto il contorno degli occhi deve essere nero nei soggetti a macchie nere, fegato nei cani a macchie fegato.
Arti: i gomiti sono aderenti al corpo. Gli anteriori sono perfettamente diritti. Hanno ossatura rotonda e forte fino al piede, con una leggera curvatura a livello dell’articolazione del carpo. Piedi rotondi, compatti. Dita ben arcuate. Cuscinetti plantari rotondi, duri ed elastici. Posteriore arrotondato con muscolatura ben definita. Gamba ben sviluppata. La grassella ha una buona curvatura. Garretto ben disegnato.
Spalla: moderatamente obliqua, ben disegnata e muscolosa.
Andatura: deve essere sciolto nelle sue andature. Il movimento deve essere coordinato, potente, ritmico, dalle lunghe falcate. Visti da dietro, gli arti si spostano su piani paralleli e quelli posteriori formano una traccia semplice con quelli anteriori. Il passo corto e gli arti che “falciano l’erba” sono da considerarsi difetti.
Muscolatura: tonica, sviluppata ed evidente.
Coda: raggiunge approssimativamente il garretto. L’attaccatura non deve essere né troppo alta né troppo bassa. Non deve essere grossolana. Viene portata con una leggera curvatura verso l’alto ma non è mai arrotolata. Porta preferibilmente delle macchie arrotondate.
Pelo: corto, duro e folto. Dall’aspetto liscio e lucente.
Colori ammessi: il colore di fondo è bianco puro. I soggetti a macchie nere devono avere numerose macchie a forma di monete nere. Nei cani a macchie fegato, queste sono marrone-fegato. Le macchie non devono confondersi. Le macchie sono rotonde e ben disegnate, il più possibile ben distribuite. Le macchie all’estremità sono più piccole di quelle situate sul corpo.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, ampie macchie colorate, macchie rotonde nere e macchie rotonde fegato nello stesso cane (tricolore), macchie rotonde limone, occhi blu, tonalità bronzo, difetti di pigmentazione, movimento scorretto, misure fuori standard, monorchidismo, criptorchidismo, cane alto sugli arti, cane troppo gracile, orecchie troppo piccole, muscolatura poco sviluppata, assenza di armonia generale, coda corta, cranio non piatto, testa stretta.

ALLEVAMENTI IN ITALIA

  • Allevamento Cuor di Leone - Allevamento dalmataAllevamento Cuor di Leone
    Sicilia, provincia di Palermo, comune di Corleone.Alleviamo con amore e passione diverse Razze da oltre 10 anni.

    Indirizzo: C.da San Giovanni – Tel: 3394001319 – [Web] – [E-Mail]

  • Herberiensis Dalmatians - Allevamento dalmataHerberiensis Dalmatians
    Emilia Romagna, provincia di Reggio Emilia, comune di Rubiera.Allevamento con cuccioli di Dalmata con pedigree, vaccinati, microchip, sverminati, con certificato di garanzia.

    Indirizzo: via Mozart 3/1 – Tel: 340 2910304 – [Web] – [E-Mail]

  • Mondodalmata - Allevamento dalmataMondodalmata
    Calabria, provincia di Cosenza, comune di Castrolibero.Allevamento amatoriale cani razza dalmata.

    Indirizzo: C.da Motta 3 – Tel: 3452755974 – [Web] – [E-Mail]

  • MonteGennaro - Allevamento dalmataMonteGennaro
    Veneto, provincia di Treviso, comune di Ponte di Piave.Selezione del Dalmata.

    Indirizzo: via Piave, 4 – Tel: 0422-857523 – [Web] – [E-Mail]

  • Torre Astura - Allevamento dalmataTorre Astura
    Lazio, provincia di Roma, comune di Nettuno.Allevamento riconosciuto ENCI FCI linee di sangue selezionate.

    Indirizzo: via Pomezia 2 – Tel: 3473510773 – [Web] – [E-Mail]

  • United Spots - Allevamento dalmataUnited Spots
    Lazio, provincia di Roma, comune di Campagnano.Allevamento Setter Irlandese Rosso e Bianco e Dalmata

    Indirizzo: S.P. Sacrofano-Cassia, 53 – Tel: +39 0690154934 – [Web] – [E-Mail]

BISCOTTI DI SAN LORENZO

Oggi ilo mio piccolino mi ha dato una grande idea chiedendomi di realizzare dei biscotti per la notte delle stelle cadenti così mentre le guardiamo mangiamo qualche cosa di goloso……ed io li ho preparati insieme a lui….

Ingredienti: 180 gr di farina, un pizzico di sale, 3 cucchiai di zucchero, 70 gr di burro a temperatura ambinte, un cucchiaino raso di lievito in polvere, un uovo.Per decorare farema la glassa allo zucchero: zucchero al velo, acqua calda q.b.

Iniziamo a preparare i biscotti mescolando la farina con il lievito e mettendola sul tavolo creando la fontana: al centro della fontana metteremo dapprima il sale, quindi lo zucchero e da ultimo l’uovo.

Iniziamo a sbattere il tutto con una forchetta e quando abbiamo amalgamato lo zucchero, l’uovo ed un po di farina aggiungiamo il burro ed iniziamo ad impastare con le mani fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

Stendiamo la frolla così ottenuta con l’aiuto di un matterello  e ricaviamo i nostri biscotti con le formine che più ci piacciono.

Mettiamo i biscotti a cuocere in forno a 180° per circa 10/15 minuti ( non devono scurire tanto ma solo dorare).

Quando i biscotti sono pronti li sforniamo e li lasciamo raffreddare .

Quindi andiamo a preparare la nostra glassa: mettiamo un po di zucchero al velo in una ciotola ed aggiungiamo un cucchiaino di acqua calda alla volta fino a riuscire ad amalgamare lo zucchero e a farlo sciogliere .Se volete avere dei biscotti colorati, aggiungete in questo passaggio anche del colorante alimentare della colorazione prescelta.

Non vi resta che ricoprire i vostri biscotti con la glassa allo zucchero e , se volete , decorarli con delle codette zuccherate, lasciare raffreddare e rapprendere per bene la glassa e poi…….aspettare le stelle!!

BUON APPETITO

Tàmar sotto le stelle

Tàmar sotto le stelle

    • Località: Tramonti di Sotto;
    • Luogo: piazza Santa Croce
    • Tipologia: Escursione; Visita guidata, promozione culturale;
    • Data: Venerdì 10 Agosto 2018
    • Orario: 10:00
    • Consigliato per: Tutti
Itinerario 1: escursione agli antichi borghi abbandonati di Vuar, Pàlcoda e Tàmar,
guidati dall’architetto ed esperto di storia locale Moreno Baccichet.
Dalle 18,00: festa a ballo con musica dal vivo tra i ruderi di Tàmar per la serata d’inizio del 6º FESTinVAL 2018, pastasciutta per tutti, osservazione delle stelle cadenti.
Ore 21,30: spettacolo con canti popolari sulla guerra interpretati da Giuseppina Casarin e Patrizia Bertoncello, accompagnate dalla chitarra di Simone Cimolin.

Difficoltà: trekking (dislivello di 300 m)

Tempo di percorrenza indicativo: 6 ore

Itinerario 2: chi volesse partecipare solo alla festa potrà raggiungere Tàmar in autonomia lungo l’agevole sentiero che, superata la località Comesta (circa 10 min in auto dal centro di Tramonti di Sotto), si trova a destra dopo la sbarra.

Difficoltà: facile, adatto anche ai bambini (dislivello di 300 m)

Tempo di percorrenza indicativo: 1 ora

Note utili: il ritorno si farà liberamente, in autonomia, lungo una strada bianca molto agevole

L’escursione fa parte del progetto “PASSIparole”, promosso da Arcometa – Consorzio Turistico tra le Pro Loco dello Spilimberghese e dall’Associazione Lis Aganis – Ecomuseo Regionale delle Dolomiti Friulane. L’iniziativa si pone come obbiettivo la promozione turistica del territorio, dei suoi borghi e delle sue bellezze naturalistiche, grazie a piacevoli passeggiate in compagnia di guide esperte che illustrano ai visitatori i luoghi e i monumenti d’interesse situati lungo il percorso.

Scarica qui il volantino di “PASSIparole” 2018 con tutte le camminate in programma:

Organizzato da:

Pro Loco Valtramontina
patriziabertoncello@libero.it / 333 255 6359