Archivi categoria: dolci

GLASSA ALLO ZUCCHERO ( CON ACQUA CALDA)

Una delle preparazioni sicuramente  più usate per decorare i biscotti è la glassa allo zucchero, facile e veloce da preparare ed anche economica.

Immagine correlata

Tutto ciò che ci occorre è dello zucchero al velo ed un pochino di acqua calda e, se desideriamo averla colorata, qualche colore alimentare di nostro gradimento-

Si procede in questo modo : versiamo dello zucchero al velo in una ciotola ed aggiungiamo un cucchiaio di acqua bollente per volta iniziando a sciogliere lo zucchero…..aggiungeremo altra acqua sempre molto poco per volta solo quando vedremo che quella che abbiamo messo non è sufficiente per ottenere  una crema un po fluida  ( ma non troppo).Nel caso abbiamo messo troppa acqua e la nostra glassa risulti troppo liquida , possiamo correggere aggiungendo altro zucchero ed amalgamando il tutto per bene fino a raggiungere la giusta consistenza.

Volendo possiamo aggiungere del colore per ottenere altre gradazioni: andremo ad aggiungere il colore dopo aver messo l’acqua e metteremo un pochino meno acqua se usiamo un colore liquido oppure aggiungeremo il colore in polvere solo dopo aver ottenuto la glassa di base.

Non vi resta ora che versare un pochino di glassa sui biscotti o anche sulle torte ed aspettare almeno una mezz’ora ( dipende anche dalla fluidità della glassa) che asciughi.

Come potete veder non è nulla di complicato ma l’effetto finale è grazioso…….

BUON LAVORO

LA PECTINA

Quando parliamo di pectina ciò a cui pensiamo è l’addensante naturale che usiamo quando prepariamo marmellate,  gelatine e confetture.

La pectina è un prodotto naturale presente nella parete cellulare dei tessuti vegetali utilizzata principalmente proprio per le sue proprietà gelatinizzanti ,  addensanti e stabilizzanti …..questo sia nell’industria alimentare che cosmetica e anche farmaceutica. La pectina è un carboidrato indigeribile un polisaccaride di struttura ed è a tutti gli effetti una fibra solubile. Noi assumiamo la pectina mangiando frutta e verdura…è  infatti presente soprattutto nelle mele,  nelle prugne,  negli agrumi , nelle mele cotogne e nel uva spina.

Non molti sanno però che la pectina è dotata anche di interessanti virtù dietetiche ….vediamo insieme a che cosa può servire oltre che ad Addensare le nostre marmellate.

Pectina per la salute dell’intestino :  le proprietà gelificanti ed emollienti della pectina sono molto utili per regolarizzare le funzioni intestinali. Se soffriamo di diarrea proprio come quando abbiamo una marmellata troppo liquida assumere pectina aumenta la consistenza delle feci ; al contrario in presenza di stitichezza la pectina può favorire il transito intestinale purché accompagnata ad una giusta quantità d’acqua conferendo maggiore morbidezza alla massa fecale e distendendo le pareti coliche.

Pectina e colesterolo: la metabolizzazione intestinale della pectina da parte della flora batterica residente oltre a favorire la proliferazione dei germi benefici ed ostacolare indirettamente quella dei patogeni , origina acidi grassi a corta catena che nutrono la mucosa intestinale e possono diminuire ulteriormente i valori di colesterolo LDL nel sangue oltre a prevenire il cancro al colon.

Pectina e diabete : la riduzione del rischio cardiovascolare attribuita ad una dieta ricca in pectina è legata anche alla sua capacità di intrappolare gli zuccheri a livello intestinale rallentandone l ‘assorbimento .Questo si riversa con una stabilità dei livelli glicemici che è importantissima nella prevenzione del diabete di tipo 2 e dell’ ipertrigliceridemia.

Le dosi di pectina che noi dobbiamo assumere per poter usufruire  delle proprietà benefiche di cui vi ho parlato sopra si aggirano intorno ai 15 grammi al giorno…… potremo per esempio mangiare una mela e due arance, così facendo potremmo ingerire in maniera naturale e salutare il quantitativo giornaliero senza ricorrere a integratori artificiali.

La pectina, infatti,  è contenuta anche negli agrumi ….in questo caso è presente soprattutto nella parte bianca che troviamo sotto la buccia,  detta albedo,  per cui è preferibile ingerire il frutto intero anziché la spremuta. Ecco perché tutti i nutrizionisti danno una notevole preferenza al frutto consumato intero rispetto alle spremute ed ai succhi di frutta che sono oltretutto particolarmente ricchi di zuccheri e poveri di fibra .

La pectina può essere realizzata facilmente anche da soli. Si può Infatti preparare anche in casa a partire dagli scarti lavati delle bucce di frutta …..queste ultime vanno poi frullate aggiungendo acqua e cuocendo a bagnomaria per circa due ore ;  una volta ottenuto un composto simile alla marmellata lo si filtra con un colino. Infine si versa il composto in un contenitore che utilizziamo di solito per i cubetti di ghiaccio e la si conserva in freezer utilizzandolo all’occorrenza aggiungendo la durante la preparazione di marmellate di frutta  e confetture. Ovviamente vi consiglio sempre di usare bucce di prodotti che comprate a km 0 dei quali vi accetterete anche che non siano stati trattati con pesticidi.

 

 

SCIROPPO D’ACERO

Molte volte sugli scaffali dei supermercati abbiamo visto lo sciroppo d’acero ed anche molte ricette ne fanno menzione.

Risultati immagini per sciroppo d'acero

Ma che cosa è lo sciroppo d’acero?

Lo sciroppo d’acero è un liquido zuccherino ottenuto bollendo la linfa dell’ acero da zucchero e dell’acero nero.Lo sciroppo d’acero viene molto utilizzato nei paesi freddi per le elevate calorie e proprietà nutrizionali nonche depurative ed energizzanti…… È il terzo dolcificante naturale meno calorico (circa 250 calorie per cento grammi) superato  solo dalla melassa e dalla stevia.

È prodotto principalmente nelle regioni orientali del Canada, dove era conosciuto e apprezzato già dagli indiani irochesi, che dalla linfa dell’albero ottenevano dei cristalli che erano utilizzati come surrogato dello zucchero di canna.

Esistono quattro varietà di sciroppo d’acero, dal più chiaro a più scuro a seconda del grado di raffinazione. Il più raffinato prende il nome di Fancy, mentre quello scurissimo, simile alla melassa, è chiamato grade B…..Lo sciroppo d’acero viene oggi prodotto dalle province orientali del Canada ed in alcune zone degli Stati Uniti. La linfa viene raccolta all’inizio della primavera.Lo sciroppo deriva dal processo di concentrazione della linfa.

Come detto prima, ci sono diverse varietà di sciroppo che si contraddistinguono proprio per gradazione di colore:le varietà più scure presentano un maggiore sentore minerale e un gusto di sciroppo d’acero più marcato, per questo vengono preferite le varietà più chiare per essere servite con pancake e simili. Per ottenere un litro di sciroppo ci vogliono 40 litri di linfa d’acero. Il Canada  produce oltre l’80% della produzione mondiale; la provincia del Quebec  ne produce il 75% . Negli Stati Uniti d’America è molto usato come condimento per i pancake.

Lo sciroppo d’acero aiuta il sistema digerente e quello intestinale, ha poche calorie ed è alleato anche di chi sta a dieta in quanto riattiva la termogenesi dei grassi (ovvero ha doti brucia grassi). Si tratta di un prodotto naturale apprezzato anche per il suo indice glicemico medio, che è inferiore a quello di altri dolcificanti

SCIROPPO D’ACERO BENEFICI

Lo sciroppo d’acero è un prodotto perfetto sia per gli adulti che per i bambini. Oltre che per dolcificare si possono sfruttare i suoi benefici utilizzandolo come un vero e proprio integratore di sali minerali, vitamine e antiossidanti quando ce n’è più bisogno o dopo l’allenamento nel caso degli sportivi.

Chi è a dieta, poi, può sfruttare la capacità di questo sciroppo di drenare l’eccesso di liquidi.  in quanto prodotto consigliato a chi ha problemi al sistema linfatico.

Le doti depurative ma anche lenitive e riequilibranti sul sistema gastrointestinali lo rendono un rimedio naturale adatto a contrastare colite, gastrite o stitichezza.

Lo sciroppo d’acero è un ottimo sostituto dello zucchero e di altri dolcificanti. Si può usare tranquillamente per dolcificare bevande fredde o calde, torte, biscotti, frullati, dolci al cucchiaio .